Logo Milestn Srl Web Marketing Studio
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • Instagram Icona sociale

Milestn

Web Marketing Studio

3 aspetti da considerare nel Marketing attraverso Machine Learning

30/1/2018

 

Il 2018 si prospetta l’anno di maggior sviluppo e investimento del marketing attraverso l’intelligenza artificiale. Ovvero, i processi per analizzare e prevedere comportamenti degli utenti (attraverso software specializzati) che rendono automatici i processi decisionali aziendali. Siri di Apple Inc o Google Assistant sono in fase beta su questo campo.

 

I nostri dispositivi portatili (e non solo) conosceranno, attraverso il rilevamento costante dei dati, le nostre future azioni e forniranno informazioni rilevanti per migliorare l’esperienza giornaliera o proporci un prodotto/servizio su misura e al momento giusto. Chissà se non saranno proprio gli assistenti vocali a fare il primo passo.

 

Questo processo denominato “machine learning” sarà possibile per tutti ma lo step successivo renderà tutto più snello, automatizzando i processi decisionali e gestionali per ogni azienda e di qualunque dimensione.

 

Su questo ultimo dobbiamo considerare 3 aspetti fondamentali per interpretare bene la tecnologia come catalizzatore di questi processi senza danneggiare i valori aziendali o la sensibilità dei clienti.

 

1- La qualità dei dati è fondamentale

 

Machine learning è sininimo di raccolta dati e automatizzazione dei processi ma non significa che i dati raccolti siano accurati o di qualità. Puntare su questo aspetto piuttosto che sulla quantità è rilevante per avere un processo e gestione dei dati efficace. Una volta raccolti, dovranno essere analizzati e testati per validare un’azione finale.

 

2- Capacità nell’interpretazione

 

Al momento che ogni azienda deciderà svolgere delle strategie dovrà essere in grado d’interpretare, leggere e monitorare i dati. Lasciare tutto all’automatizzazione può essere un’arma a doppio taglio se l’attività che sta comunicando sono rivolte al mercato o target sbagliato. Se si ha la giusta interpretazione dei dati, si ha la capacità di cambiare strategia e progettare una scalabilità del progetto.

 

3- Automatizzazione OK ma non sempre

 

Abbiamo sempre meno tempo per fare le cose e se riusciamo ad automatizzare i processi aziendali siamo contenti. Ma nel marketing non è sempre così. L’IA ci renderà più snella la nostra impresa ma al momento di comunicare a volte è meglio avere un processo manuale e personalizzato su ogni utente. La mente umana conosce bene le esigenze delle persone e qui alcune strategie di neuro marketing possono sempre far comodo.

 

 

Infine, ricordate che tutto gira intorno al consumatore. I dati e le strategie di marketing sono collegati tra loro (ancora di più con il machine leaning dei nostri dispositivi) ma l’utente è sempre in grado d’influenzare i dati. Avere un rapporto vicino a loro e conoscere in maniera personale e approfondita le loro esigenze (anche attraverso canali e piattaforme più tradizionali) renderà il posizionamento di un prodotto o servizio più efficace.

L’IA è alle porte e il marketing ne farà tesoro. Ma ci sono ancora percorsi da analizzare e testare per rendere questa strategia un pilastro delle attività giornaliere aziendali.

 

Milestn Srl

web marketing studio

info@milestn.co

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post
Please reload

Tags
Please reload

Follow Us
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2017 - 2019 by Milestn srl ® - Web Marketing Studio - C.F e P.IVA 01782780702 -  N.REA 203489. 

Iscritta Reg. Imprese Sezione Speciale Startup